Tu sei qui

Cappelli da sposa: ecco i modelli più trendy per il 2016

24 Novembre 2015 16:00

I cappelli rappresentano uno degli accessori più amati dalle spose e saranno la vera tendenza del 2016. Ecco quelli presentati dall'atelier Cinzia Ferri

Una sposa perfetta ha bisogno del giusto abito ma anche degli accessori adatti. Tra questi, i cappelli da sposa sono stati sempre in voga, ma è nel 2016 che diventeranno uno dei veri must grazie ad un profondo restyling. Chic ed originali, questi accessori sono in grado di fare la differenza e rendere davvero speciale il look per il giorno del matrimonio.

Tre sono i modelli di cappelli che hanno registrato particolare successo tra le future spose dell'atelier Cinzia Ferri.

1- Cappello a tesa larga

Il modello preferito dalle spose che amano uno stile ricercato. Il fascino del cappello a tesa larga risalta nei matrimoni celebrati di giorno in campagna o comunque all'aperto, soprattutto durante il periodo estivo. E' preferibile non indossarlo con abiti dal lungo strascico, ma si abbina perfettamente a quelli con altezza caviglie o ginocchio. Fa la sua bella figura sia semplice, sia decorato con cristalli, roselline o altri fiori in stoffa.

2 – Fascinator con fiocco

Il fascinator è la chicca del 2016. Questo cappello da sposa, o per meglio dire “cappellino”, può essere impreziosito con piume, fiori e tocchi in pizzo. All'atelier Cinzia Ferri il più desiderato è stato quello con il fiocco: modello originale e raffinato, può accompagnare la sposa sia in cerimonie religiose che civili.

3 – Cappello con veletta

Modello chic ed elegante, conserva ancora un po' di sapore retrò. Semplice o con dettagli come perline e strass, va usato preferibilmente di pomeriggio o di sera, magari con abiti vintage, corti o dal taglio minimal. Qualsiasi sia il modello desiderato, bisogna ricordare che il cappello da sposa è pur sempre un accessorio da scegliere in base all'abito. “Sono sempre preferibili modelli non troppo eccessivi ed eccentrici, in grado di esaltare il vestito senza metterlo in ombra”, consiglia Cinzia Ferri.